Laser

Gli effetti biologicamente rilevanti della LASER TERAPIA sono:
1. Stimolazione fattore di crescita in cellule e tessuti a seguito di incremento di sintesti di ATP e proteine.
2. Migliorata la prliferazione cellulare.
3. Modulata la permeabilità della membrana cellulare al Ca (calcio).
4. Aumento nella produzione e rilascio di endorfine, serotonina (effetto antalgico) e prostaglandine (modulazione dell’infiammazione).
5. Rafforza e modula la risposta del sistema immunitario ed aumenta l’attività dei linfociti attraverso la fotobiomodulazione delle strutture e delle cellule del sistema vascolare e linfatico.
6. Incremento dell’attività di sinstesi in collagene, elastina e GAG (acido ialuronico) da parte dei fibroblasti con effetti migliorativi su rigenerazione e riparazione dei tessuti molli.
7. Induzione della crescita dell’endotelio vasale (angiogenesi).
8. Stimola il rilascito di NO (ossido nitrico) da parte degli eritrociti con conseguente modulazione del flusso e della perfusione ematica profonda e periferica.

La LASER TERAPIA ha per alcune persone un’aura di magia grazie alla sua capacità di guarire differenti problemi di salute di lunga data e di rigenerare diversi tessuti in maniera indolore e assolutamente confortevole. Per altre persone assume un alone di medicina alternativa supponendo abbia una scarsa validazione scientifica. Entrambe le categorie di persone hanno profondamente torto. La LASER TERAPIA non è magia ma una crescente realtà ricca di documentazione scientifica e di evidenze i cui albori risalgono ai primi anni 80 del secolo scorso.

Una sorprendente circostanza è che le molecole che reagicono con la “luce” (Cu- rame e Fe- ferro) sono naturali componenti ubiquitari (presenti in tutte le cellule) nei mitocondri e quindi questo rende tutti i tessuti del nostro corpo potenzialmente suscettibili di rispondere, se irradiati, alle stimolazioni della LASER TERAPIA offrendo così diverse indicazioni terapeutiche.

La lista di indicazioni per LASER TERAPIA non è da considerarsi completa e definitiva ma rappresenta solo alcuni esempi di quando vale la pena di avvalersi della terapia laser.

Acne, afte, artriti, infezioni batteriche e virali, sindrome del tunnel carpale, fratture ossee, gengivi, piorrea, implantologia dentale, herpes simplex, caduta capelli, ulcere tessuti molli, ferite tessuti molli, linfedema, danni al tessuto nervoso periferico, terapia antalgica, reumatistmi, dermatiti, psoriasi, fibromialgia, angiomi, endemi, soffusioni, ematomi cutanei, tendiniti, lesioni muscolari e tendinee, contratture, contusioni apparato muscoloscheletrico, nevriti del trigemino ecc.

Le caratteristiche della TERAPIA LASER: efficace, confortevole, indolore, priva di effetti collaterali indesiderati, adatta a tutti i tipi di pelle e con possibilità di sinergie con altre terapie o trattamenti, la rende uno strumento innovativo e versatilissimo in ESTETICA, ESTETICA MEDICA E CHIRURGIA ESTETICA.

 

LA FOTOBIOMODULAZIONE
STRUMENTO SOTTILE PER LA REGOLAZIONE DELLE FUNZIONI CELLULARI E LA STRUTTURA DEI TESSUTI.

Poiché la vita si è evoluta in un modo di luce si sono stabilite diverse interazioni tra i sistemi biologici (cellule, tessuti organismi) e la luce stessa. Queste interazioni acquisite, conservate ed evolute attraverso la selezione evolutiva, svolgono un ruolo fondamentale a supporto della vita.
Tra queste interazioni è biologicamente peculiare la capacità della luce di influire sul metabolismo e le funzioni cellulari. Tutte le cellule (a eccezzione dei globuli ross) infatti contengono un organo semi autonomo di origine simbiotica chiamato MITOCONDRIO, indispensabile per la vita cellulare e sensibile alla stimolazione luminosa.
Il MITOCONDRIO un organello a forma di “salsiccia” presente in tutte le nostre cellule (ad eccezzione del globulo rosso) fondamentale per l’evoluzione degli organismi viventi (è grazie al mitocondrio che la cellula ha acquisito la capacità di utilizzare l’ossigeno) e così intimamente coninvolto nei processi energetici cellulari, nella crescita e rigenerazione dei tessuti, nel metabolismo cellulare, nella sintesi di ormoni, nel metabolismo di neurotrasmettitori ecc.

La funzione mitocondriale, fondamentale per la vita e la struttura di cellule e tessuti, è realizzata dall’attività di alcuni enzimi in esso contenuti tra cui la CITOCROMO C OSSIDANTI, una proteina “sensibile” alla stimolazione luminosa nello spettro compreso tra gli ultravioletti e il vicino infrarosso. La luce, dunque, specificatamente compresa tra le lunghezze d’onda dei 330 nm (ultravioletti) e i 940 nm (cicino infrarosso) è uno strumento sottile per regolare il metabolismo e la struttura di cellule e tessuti.
La FOTOTERAPIA LASER rappresenta una innovativa metodica per la salute e la rigenrazione dei tessuti in cui viene applicato il principio biologico della FOTOBIOMODULAZIONE ovvero la caratteristica della “luce” di influezare i diversi meccanismi metabolici ed energetici delle cellule e dei tessuti. Si tratta di una modalità terapeutica eccitante, essendo indolore, priva di rischi, adatta a tutti i tipi di pelle, rapida e molto efficace.
Nella FOTOTERAPIA LASER attraverso sorgenti LASER o LASER a DIODI viene emessa della luce “fredda” a bassa intensità con specifici parametri di lunghezza d’onda, intensità e potenza d’uscita senza provocare nessun effetto termico e quindi danno al tessuto vivente ma bensì innescando nelle cellule e tesuti effetti biochimici vitali e rigeneranti.